Ebrei Fascisti

Posted on ottobre 28, 2010

0



Queste cose non le sapevo: le traggo da Fascismo e questione ebraica di Wikipedia.
Chissà perchè non le dice mai nessuno.. mah.

Negli scontri con esponenti del Partito Socialista Italiano (avvenuti fra il 1919 e il 1922) morirono diversi ebrei, tra cui Duilio Sinigaglia, Gino Bolaffi e Bruno Mondolfo, dichiarati martiri fascisti.

350 ebrei parteciparono alla marcia su Roma e ben 746 erano iscritti in parte ai Fasci Italiani di Combattimento ed in parte all’Associazione Nazionalista Italiana, che nel 1923 si fonderà con il Partito Nazionale Fascista.

Aldo Finzi, politico, divenne sottosegretario agli Interni del gabinetto diretto da Benito Mussolini e membro del Gran Consiglio Fascista (allontanato dal regime, aderirà poi alla Resistenza italiana per morire alle Fosse Ardeatine).

Dante Almansi ricoprì il ruolo di vice capo della polizia.

Guido Jung veniva eletto ministro delle Finanze fra il 1932 al 1935, mentre a Maurizio Ravà era affidato l’incarico di vicegovernatore della Libia e governatore della Somalia, nonché quello di generale della Milizia fascista.

Elio Jona, come molti industriali lombardi, fu finanziatore di Mussolini, soprattutto per paura del comunismo.

Mussolini annoverava fra gli amici e i frequentatori del suo entourage la rivoluzionaria ucraina e socialista Angelica Balabanoff, ma anche Cesare e Margherita Sarfatti, amante neppure troppo segreta del capo del fascismo e autrice fra l’altro della prima biografia del Duce, intitolata non a caso Dux e tradotta in molte lingue come strumento di propaganda del fascismo a livello mondiale.

Messo il tag: ,
Posted in: omissioni